Midws

Midws

Prospetto chiusura registro carico e scarico carburanti

Posted on Author Faehn Posted in Rete

  1. I prezzi dei carburanti in Friuli Venezia Giulia
  2. Registrare i documenti relativi ad eventuali deficienze/esuberi di carburante
  3. Menu di servizio
  4. Come compilare un registro carico e scarico di carburanti

(a) RIMANENZA CHIUSURA PRECEDENTE. (b) INTRODOTTO DURANTE L'​ESERCIZIO. (c) ECCEDENZE ACCERTATE. (d) SCATTI A VUOTO. Modelli relativi ai prospetti di chiusura dei registri fiscali dei depositi di prodotti energetici e dei distributori di carburanti, predisposti. Il prospetto di chiusura deve essere presentato in tre esemplari, al proprio ufficio delle per la chiusura dei registri UTF dei distributori di carburanti. Alla chiusura del registro, il carico e lo scarico contabile devono essere. Tagged with prospetto di chiusura del registro UTF. Nessuna sanzione se il gasolio cresce e cala. Galleria. Nessuna sanzione se il gasolio.

Nome: prospetto chiusura registro carico e scarico carburanti
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 63.62 MB

Distributori di carburante ad uso privato interno Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige Descrizione generale Per impianto fisso di distribuzione di carburante ad uso privato interno si intende un complesso unitario costituito da uno o più apparecchi fissi o mobili di erogazione di carburanti per autotrazione, con le relative attrezzature ed accessori, installato all'interno di stabilimenti, cantieri, magazzini e simili, destinato esclusivamente al rifornimento di automezzi, macchine operatrici, elicotteri, aeromobili e natanti delle imprese.

I titolari e gli esercenti di distributori di carburante ad uso privato interno, sia fissi che mobili, devono osservare le norme di sicurezza, prevenzione incendi ed ambientali.

Si prescinde dalla consistenza del parco mezzi, nel caso di: macchine operatrici per piste da sci; elicotteri ed aeromobili, da rifornire con carburante per aeromobili; autorizzazioni rilasciate a enti pubblici. Adempimenti amministrativi: attivazione a seguito di denuncia da trasmettere alla Ripartizione provinciale 35 — Ufficio commercio e servizi; obbligo tenuta registro di carico e scarico, da vidimare presso la Provincia.

Documenti richiesti: Alla denuncia di inizio attività è necessario allegare la seguente documentazione: autorizzazione del tipo di impianto di distribuzione di carburante mobile rilasciata dal Ministero dell'Interno; elenco macchine operatrici; registro di carico e scarico per la vidimazione.

L'accisa e' rimborsata quando risulta indebitamente pagata la disciplina dei rimborsi di cui al presente articolo si applica anche alle richieste relative alle agevolazioni accordate mediante restituzione, totale o parziale, dell'accisa versata ovvero mediante altra modalita' prevista dalla disciplina relativa alla singola agevolazione.

Per i prodotti per i quali e' prevista la presentazione di una dichiarazione da parte del soggetto obbligato al pagamento delle accise, il rimborso deve essere richiesto dal predetto soggetto obbligato, a pena di decadenza, entro due anni dalla data di presentazione della dichiarazione ovvero, ove previsto dalla specifica disciplina di settore, all'atto della dichiarazione contenente gli elementi per la determinazione del debito o del credito d'imposta.

Qualora, al termine di un procedimento giurisdizionale, il soggetto obbligato al pagamento dell'accisa sia condannato alla restituzione a terzi di somme indebitamente percepite a titolo di rivalsa dell'accisa, il rimborso e' richiesto dal predetto soggetto obbligato, a pena di decadenza, entro novanta giorni dal passaggio in giudicato della sentenza che impone la restituzione delle somme.

Sulle somme da rimborsare sono dovuti gli interessi nella misura stabilita ai sensi dell'articolo 1284 del codice civile, a decorrere dalla data di presentazione della relativa richiesta di rimborso.

I prodotti assoggettati ad accisa immessi in consumo possono dar luogo a rimborso della stessa, su richiesta dell'operatore nell'esercizio dell'attivita' economica da lui svolta, quando sono trasferiti in un altro Stato membro o esportati. Il rimborso compete anche nel caso in cui vengano autorizzate miscelazioni dalle quali si ottenga un prodotto per il quale e' dovuta l'accisa di ammontare inferiore a quella pagata sui singoli componenti.

La richiesta di rimborso e' presentata, a pena di decadenza, entro due anni dalla data in cui sono state effettuate le predette operazioni. Il rimborso puo' essere concesso anche mediante accredito dell'imposta da utilizzare per il pagamento dell'accisa ovvero mediante altra modalita' prevista dalla disciplina relativa alla singola agevolazione.

In caso di dichiarazioni infedeli, volte a ottenere il rimborso per importi superiori a quelli dovuti, si applicano le sanzioni previste per la sottrazione dei prodotti all'accertamento e al pagamento dell'imposta. Le somme dovute a titolo di imposta o indebitamente abbuonate o restituite si esigono con la procedura di riscossione coattiva prevista dal decreto legislativo 13 aprile 1999, n. Tale termine e' aumentato a dieci anni nei casi di violazione delle disposizioni stabilite in materia di tributi previsti dal presente testo unico per cui sussiste l'obbligo di denuncia all'autorita' giudiziaria.

Il termine di prescrizione per il recupero del credito da parte dell'Agenzia e' di cinque anni ovvero, limitatamente ai tabacchi lavorati, di dieci anni. Per le deficienze eccedenti i cali consentiti per i prodotti che si trovano in regime sospensivo, diversi dai tabacchi lavorati, il quinquennio di cui al comma 3 decorre dalla data del verbale di constatazione delle deficienze medesime.

I prezzi dei carburanti in Friuli Venezia Giulia

La prescrizione del credito d'imposta e' interrotta quando viene esercitata l'azione penale in questo caso il termine di prescrizione decorre dal passaggio in giudicato della sentenza che definisce il giudizio penale. Sempreche' non siano iniziate attivita' amministrative di accertamento delle quali i soggetti alle stesse sottoposti abbiano avuto formale conoscenza, i registri, le dichiarazioni e i documenti prescritti dalla disciplina di riferimento dei vari settori d'imposta devono essere conservati per cinque anni successivi a quello di imposta ovvero, per i tabacchi lavorati, per dieci anni.

La constatazione delle violazioni delle disposizioni stabilite in materia di tributi previsti dal presente testo unico compete ai funzionari dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli oltre che ai pubblici ufficiali indicati nel capo II del titolo II della legge 7 gennaio 1929, n. I processi verbali di constatazione di violazioni per le quali sussiste l'obbligo di denuncia all'autorita' giudiziaria sono trasmessi dagli agenti verbalizzanti sia alla competente autorita' giudiziaria sia all'ufficio dell'Agenzia competente all'accertamento dell'imposta e alla sua liquidazione.

Quest'ultimo provvede alla tempestiva trasmissione degli atti emessi alla predetta autorita' giudiziaria e alla comunicazione a quest'ultima, anche successivamente, di ulteriori elementi e valutazioni utili.

I processi verbali di constatazione di violazioni diverse da quelle di cui al comma 2 sono trasmessi dagli agenti verbalizzanti all'ufficio dell'Agenzia competente all'accertamento dell'imposta e alla sua liquidazione. Nel rispetto del principio di cooperazione di cui all'articolo 12 della legge 27 luglio 2000, n.

Resta salva per l'Agenzia la possibilita' di notificare i predetti atti e comunicazioni mediante raccomandata postale con avviso di ricevimento ovvero ai sensi degli articoli 137 e seguenti del codice di procedura civile, anche per il tramite di un messo speciale autorizzato dall'ufficio competente.

Il gasolio commerciale usato come carburante e' assoggettato ad accisa con l'applicazione dell'aliquota prevista per tale impiego dal numero 4-bis della tabella A allegata al presente testo unico. E' considerato altresi' gasolio commerciale il gasolio impiegato per attivita' di trasporto di persone svolta da enti pubblici o imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico.

Il rimborso dell'onere conseguente alla maggiore accisa applicata al gasolio commerciale e' determinato in misura pari alla differenza tra l'aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante, di cui all'allegato I, e quella di cui al comma 1 del presente articolo. Ai fini del predetto rimborso, i soggetti di cui ai commi 2 e 3 presentano apposita dichiarazione al competente ufficio dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli entro il mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare in cui e' avvenuto il consumo del gasolio commerciale.

Il credito spettante ai sensi del comma 4 del presente articolo e' riconosciuto, mediante la compensazione di cui all'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n.

I medesimi esercenti garantiscono, anche tramite soggetti appositamente delegati, l'accesso presso l'impianto per l'esercizio dei poteri di cui all'articolo 18, comma 2, entro ventiquattro ore dalla comunicazione dell'amministrazione finanziaria.

La produzione dell'alcole etilico, dei prodotti alcolici intermedi e del vino nonche' la fabbricazione della birra e delle bevande fermentate diverse dal vino e dalla birra sono effettuate in regime di deposito fiscale. La gestione in regime di deposito fiscale puo' essere autorizzata per i magazzini di commercianti all'ingrosso di prodotti soggetti ad accisa quando, oltre a ricorrere la condizione di cui al comma 2, la detenzione di prodotti in regime sospensivo risponde ad adeguate esigenze economiche.

Registrare i documenti relativi ad eventuali deficienze/esuberi di carburante

L'esercizio dei depositi fiscali autorizzati ai sensi dei commi 2 e 3 e' subordinato al rilascio della licenza di cui all'articolo 63. La cauzione di cui al comma 5 e' dovuta in misura pari all'ammontare dell'accisa se i prodotti custoditi sono condizionati e muniti di contrassegno fiscale. Per il controllo della produzione sono installati misuratori delle materie prime nonche' contatori per la determinazione del numero degli imballaggi preconfezionati e delle confezioni e, nei casi previsti, della birra a monte del condizionamento e dei semilavorati.

In vigenza dell'aliquota d'accisa zero, fermi restando i vincoli di circolazione previsti in caso di trasferimenti all'interno dell'Unione europea, la circolazione del vino nel territorio dello Stato avviene con la scorta dei documenti di accompagnamento previsti dalle disposizioni relative al settore vitivinicolo per i trasporti che iniziano e si concludono nel territorio nazionale. Gli obblighi di contabilizzazione annuale dei dati di produzione e di redazione dell'inventario fisico delle materie prime, dei prodotti semilavorati e dei prodotti finiti sono assolti dagli esercenti i depositi fiscali di vino mediante le dichiarazioni obbligatorie e la tenuta dei registri, compresa la rilevazione delle giacenze effettive in occasione della chiusura annua dei conti, disciplinati dal regolamento CE n.

Riferimenti normativi - Si riporta il testo dell'art. Accertamento, liquidazione e pagamento. Il prodotto da sottoporre ad accisa deve essere accertato per quantita' e qualita'. La classificazione dei prodotti soggetti ad accisa e' quella stabilita dalla tariffa doganale della Comunita' europea con riferimento ai capitoli ed ai codici della nomenclatura combinata delle merci NC.

Alle controversie relative alla classificazione dei prodotti ai fini dell'accisa si applicano le disposizioni previste per le controversie doganali dal testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23 gennaio 1973, n.

Menu di servizio

Per la parte dello scarico, si riportano la quantità di prodotto estratto o comunque prelevato, nel periodo considerato, nonché il totale delle deficienze per cali e dispersioni. Per le stazioni di servizio e gli apparecchi di distribuzione automatica di carburanti, la quantità globale di prodotto estratto risulterà dal computo della differenza fra le letture dei contatori totalizzatori dei singoli distributori al momento in cui viene effettuata la chiusura contabile del registro di carico e scarico ed i corrispondenti dati rilevati in occasione della chiusura precedente ed iscritti nel registro medesimo.

Ai fini della determinazione della differenza, si dovrà tener conto degli eventuali azzeramenti dei numeratori dei contatori totalizzatori che fossero nel frattempo intervenuti. La numerazione progressiva delle registrazioni dalla parte del carico si rinnova ad ogni chiusura del registro.

Per indipendente si intende un birrificio legalmente ed economicamente indipendente da qualsiasi altro birrificio, che: abbia come finalità economica la produzione della propria birra, che deve essere il frutto di un processo di lavorazione integrato, che parte dalla realizzazione del mosto e si conclude con il condizionamento. Dopo la telematizzazione delle fatture, un nuovo obbligo per le imprese del settore petrolifero.

Come compilare un registro carico e scarico di carburanti

Un doppio binario pensato per agevolare gli operatori nel passaggio. A chi è destinata La nuova modalità di presentazione in formato elettronico è destinata agli operatori del settore energetico.

È destinata dunque, come la precedente versione in formato cartaceo, a quei prodotti energetici movimentati a livello nazionale che sono soggetti o assoggettati ad accise con accisa assolta.

Si sa: la fretta è cattiva consigliera! Insomma, gli operatori del settore energetico devono già necessariamente essere operativi: la transizione prevede una gradualità utile per tutti. Inizia fin da ora a muovere i primi passi verso questa nuova modalità di presentazione dei DAS.


Articoli popolari: