Midws

Midws

Scaricare periferica audio midi mpu 401

Posted on Author Shaktishura Posted in Libri

  1. 19 messaggi in questa discussione
  2. Cavo midi - porta joystick: come testarlo?
  3. periferica compatibi midi mpu 401 aggiornamento

Cerco driver per periferica audio Midi mpu Grazie per la tua risposta,ho già scaricato i driver che dici tu,la scheda audio è integrata. driver audio mpu gratis audio driver midi mpu free download. su porta giochi ma è rimasto l'altro su periferica compatibile MIDI MPU Scarica M-Audio scheda audio i drivers o installa il software DriverPack ESS Maestro2E MPU Compatible (WDM) M-Audio Audiophile USB Midi. Vieni e scarica driver per periferica compatibi midi mpu aggiornamento Model Crystal Pnp Audio MPU Crystal PnP Audio System CODEC.

Nome: scaricare periferica audio midi mpu 401
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 46.76 MB

Nella confezione trovi un cd da 8 cm in cui, oltre a due programmi dimostrativi che a quanto pare sono solo giochi e che con uno dei quali, se sei non vedente, ti puoi solo divertire a sentire l'elicottero in loop ma in varie situazioni che possono essere scelte anche da un utente che usa la sintesi, oltre a questi giochi ci sono i driver per i vari sistemi operativi ad eccezione del dos per il quale bisogna ricorrere al sito della Nilox.

Windows 3. Il sito e la confezione della scheda parlano di un manuale che non trovo da nessuna parte. Ho provato la scheda con il dos, windows 98 ed xp notando che la ditta ha fatto un po' di confusione con il software e che ci sono delle differenze tra il cd in dotazione e i programmi per i diversi sistemi operativi scaricati dal sito.

Vicino ai jack ci sono scritte adatte a chi ci vede molto bene.

I primi manuali per PC IBM descrivono questa porta come adatta per connettere due paddle analogiche piuttosto che dei joystick.

19 messaggi in questa discussione

Acquisizione e programmazione[ modifica modifica wikitesto ] Inoltre, mentre altri standard per i joystick come i joystick Atari o NES sono molto facili e semplici da usare per i programmatori, la game port richiede un'attenta programmazione e un'attivazione tempestiva dell' interrupt software per leggere un input. Questo naturalmente causava problemi di prestazioni in quanto leggere la game port richiedeva una notevole quantità di tempo per la CPU, specialmente in confronto a sistemi con una "normale" porta joystick digitale TTL.

Circuiti[ modifica modifica wikitesto ] La tipica implementazione di una game port usa un condensatore ed un semplice comparatore di tensione per formare una sorta di rozzo ADC. Per leggere un input questo circuito deve essere interrogato e resettato in precisi momenti generalmente oltre 30 volte al secondo in modo da garantire una sufficiente prontezza in fase di gioco. La frequenza di acquisizione dei dati ed i valori effettivi dipendono tipicamente dalla resistenza interna del joystick, dal rumore elettrico, dalla velocità della CPU e dalla costante temporale RC totale del condensatore utilizzato.

Problemi noti[ modifica modifica wikitesto ] La sua natura analogica è stata anche la causa di molti problemi, ad es. Inoltre, tutti i tipi di porte giochi per PC soffrono di rumore elettrico.

La procedura di calibrazione è ancora richiesta in qualche fase, anche sotto sistemi operativi moderni come Windows XP e di solito consiste nel muovere il joystick intorno a tutti i suoi assi per misurare i valori massimi di escursione su ciascun asse, non importa se il joystick usa segnali analogici da potenziometri o segnali digitali usando microinterruttori o contatti. I joystick USB non richiedono calibrazione, in generale.

Ai tempi del DOS , ogni gioco che usava le porte giochi doveva fare la propria calibrazione, spesso ogni volta che il gioco partiva, e alcune routine di calibrazione malamente codificate non riuscivano nemmeno a funzionare in modo coerente e corretto, rendendo alcuni joystick inutilizzabili con alcuni giochi.

Ma sarà proprio vero che il file per windows 98 e dos funziona su nt e ? Non è che si sono sbagliati con windows millennium? Comunque i driver per windows xp, Vista e windows 7 sono su altri tre file.

Come dicevo, il file per windows 98 scaricato da internet contiene anche la cartella dos e quindi una volta scompattato basta andare in quella cartella e dare invio su install. Lasciando tutto per default, i file per dos verranno scompattati nella directory pciaud. Mette tre righe in autoexec.

A quel punto il programma dos per sintesi Audiologic si carica regolarmente ma continua a ripetere un frammento di parola o di frase rendendone l'uso impossibile. Non ho provato molto e chiedendo in giro, finora non ho trovato una soluzione. Certo è che nel pc in cui ho provato la sintesi audiologic funziona regolarmente quando viene installata la sound blaster live della Creative.

Struttura del cd e installazione in windows 98 Se sei non vedente, visto che la sintesi non parla se la scheda audio non è operativa, per installare il software della scheda devi avvalerti di una barra braille oppure aver preventivamente installato nel sistema le casse usb con scheda audio.

Il cd in dotazione alla scheda contiene il software per quattro modelli ognuno su una determinata cartella. Una volta entrati nella cartella nilox del cd, troviamo quindi quattro sottocartelle ma bisogna tenere conto che il modello vero e proprio è rappresentato dai caratteri posti dopo il segno di cancelletto presente nel nome della sottocartella.

Quella che a noi interessa è la prima che contiene altre sottocartelle per i diversi sistemi operativi e dei file tra cui un setup. Sono sicuro che il cd non è danneggiato perché si copia su disco fisso senza problemi e perché il cd di un altro esemplare della stessa scheda si comporta alla stessa maniera. Dopo aver inserito la scheda nel pc, quando all'avvio viene rilevato il nuovo hardware il modo migliore per installare il programma in windows 98 è quello di fargli cercare il miglior driver nel percorso dedicato a windows 98 del cd in dotazione oppure là dove abbiamo scompattato il file scaricato da internet.

Attenzione che ad un certo punto dell'installazione ha la necessità di accedere al cd di windows Al contrario, se installiamo il software richiamando il file setup. Cosa se ne fa di file compressi? E visto che non inserisce nessun programma dimostrativo, secondo me il software messo in program files non serve a nulla e quindi è meglio installare il programma nella prima modalità.

In questo sistema operativo non ho fatto prove con la porta midi. Installazione in xp, prove con il midi e conclusione Come per il 98, per abilitare la scheda se sei non vedente devi avvalerti della barra braille o delle casse usb in modo che la sintesi possa parlare. Contrariamente a quanto avviene per la sound blaster live della Creative, il service pack 1 di xp non trova driver da inserire per questa Nilox e sapendo che spesso i service pack sono solo una proforma, penso avvenga lo stesso per gli altri due con cui non ho provato e forse sarebbe stato un problema provare a causa del computer obsoleto in cui mi trovavo.

Per ragioni che vedremo, in xp è bene usare il cd e non il software scaricato da internet. Contrariamente al 98, la prima volta che si avvia il computer con la scheda inserita è bene annullare la ricerca dei driver del nuovo hardware perché nel cd ne trova più di uno e dovendo selezionare un percorso assai lungo, la cosa diventa macchinosa soprattutto per chi non vede che dovrà ripetutamente cliccare in cursore Jaws o con i touch della barra braille sul simbolo Scorri a destra e controllare lo stato della finestra.

E' indifferente partire dal setup generico presente nella cartella del modello di scheda o da quello esistente nella sottocartella dedicata ad xp e l'installazione non richiede spiegazioni. Mette i programmi dimostrativi come detto nell'introduzione, nel mixer di windows ci sono due voci in più, aux e mono in, probabilmente perché il programma è per più modelli di scheda. Nelle altre finestre si lavora invece con calma sfruttando il cursore jaws anche se non ho provato proprio tutto e quindi non escludo che vi sia qualche inaccessibilità.

Nota: fisicamente il midi ed il joystick usano la stessa presa gestita in maniera diversa dal software. Appena lanciato il setup, le cose sembrano bellissime nonostante l'inglese perché c'è la possibilità di abilitare o disabilitare il midi, abilitare o disabilitare la porta joystick per default entrambe abilitate , trovi poi un pulsante che non è possibile disabilitare che dà il modello della scheda e altri tre pulsanti per configurare i jack della scheda in modo che l'ingresso linea e il microfono vengano utilizzati per gli altoparlanti.

Dato che la scheda possiede cinque jack e quindi tutti quelli che servono al 5. Per esempio la scheda audio integrata nella scheda madre Asus P4Px ha solo tre jack e se vengono abilitati i sei canali, e di conseguenza il 5. Ma torniamo alla Nilox. Lasciando tutte le regolazioni di default, una volta è successo che al termine dell'installazione la finestra in cui ti chiede di riavviare fosse inleggibile con jaws mentre in un'altra occasione, stranamente, era leggibile da cursore pc e inaccessibile da cursore jaws.

Sarebbe interessante avere una persona vedente al primo riavvio per verificare se non ci fosse qualche altra opzione che permetta di ovviare ai problemi descritti di seguito. Non installa i programmi dimostrativi, in pannello di controllo non mette niente e nel mixer di windows continuano ad esserci le due voci inutilizzate. In Gestione periferiche trovi la porta joystick poco interessante per chi vede ed inutile per chi non ha la vista.

Cavo midi - porta joystick: come testarlo?

In Suoni e periferiche audio trovi la porta midi mpu che dovrai selezionare se vuoi far suonare una tastiera musicale con windows mediaplayer con cui ho fatto la prova senza sentire alcun suono come del resto succede con Quick windows sequencer che pur vedendo la mpu non riesce a far suonare la mia tastiera musicale che invece suona regolarmente con le altre schede audio.

Dopo aver installato un altro esemplare della stessa scheda constatando che il difetto continuava ad esistere, non sapendo più cosa fare mi sono messo a cercare tra gli appunti notando che questa benedetta mpu ce l'ho nella scheda Creative degli anni ' Il player va in esecuzione ma dalla tastiera musicale non esce alcun suono.

Non trova invece il sintetizzatore interno evidentemente per ragioni di incompatibilità. Una curiosità: ho provato questo vecchio player sulla Creative audigy 2 degli anni notando che le note le fa giuste ma per quanto riguarda il tempo sembra l'andamento di una persona che cammina per la strada dopo aver bevuto una bottiglia di grappa!

Per avere qualche consiglio in merito alla porta midi della scheda ho scritto a Nilox ma purtroppo non mi ha risposto. Se al posto di mettere in vendita una scheda dal valore di circa 10 euro ne avessero fatta una con le stesse caratteristiche ma dal valore di 25 o 30 euro curando maggiormente il software e inserendo un sintetizzatore interno con bassa latenza, beh, sarebbe proprio stata una bella scheda! A dire la verità fino in fondo, un po' me ne ero accorto l'estate scorsa quando faceva un caldo bestia ma non ci avevo dato peso pensando che fosse il floppy danneggiato e poi me ne ero dimenticato.

Dopo aver provato a pulirlo con l'apposito floppy ed il liquido detergente visto in passato senza risolver il problema, mi sono rassegnato a cercare di sostituirlo e qui sono sorti i problemi perché la tastiera Korg I4S, come altri modelli degli anni '90, non adopera un floppy standard. Il drive che mi è arrivato non è certo l'originale Korg: l'etichetta appiccicata sopra, che come abbiamo visto in passato ha una validità quasi nulla perché sopra ad un componente ci possiamo mettere l'etichetta con scritto che domani piove, dice che si tratta del Nec fdm che cercando in internet lo trovi ad un prezzo decisamente più basso di quanto ho pagato quello spacciato per ricambio per tastiera Korg I4S.

Guardando l'immagine in internet, naturalmente c'è stato chi mi ha dato un'occhiata, il drive sembra lo stesso che ho acquistato ma anche qui fai atttenzione che spesso le immagini in rete sono inserite a puro titolo indicativo.

Le istruzioni in inglese che il venditore ebay mi ha fornito dicono che il drive è adatto a più modelli di tastiera comprese quelle con floppy ad alta densità. Cita alcuni modelli di tastiera, che non ho controllato, in cui vengono usati i floppy da kb in cui è possibile usare il drive e per i quali ovviamente è necessario tappare il foro dei floppy da 1.

Per aprire la tastiera Korg I4S bisogna togliere 45 viti. Il drive è montato in un frame fissato al fondo della tastiera con 6 viti, le due più lunghe sono dalla parte posteriore del drive e in una c'è il fermacavo con il cavo della presa per cuffia.

Le due viti dalla parte anteriore del drive tengono ferma anche la mascherina con la presa per cuffia. Prima di togliere la piattina dal drive, che si presenta più stretta e leggermente più sottile rispetto quella dei cavi per drive standard, se sei non vedente magari segnati il senso in cui è infilata con un po' di nastro adesivo anche se non è strettamente necessario. Infatti, dopo averla tolta tirandola decisamente ma senza forzare, vedrai che all'estremo la piattina ha una faccia liscia perché coperta da una sottile piastrina metallica mentre l'altra faccia termina solo con il cavo.

Mettendo l'unghia all'interno del connettore del drive puoi notare qual'è la parte liscia e quella tachettata da far coincidere con la faccia tachetttata della piattina ma in ogni caso se hai messo il nastro adesivo non c'è problema anche perché, come dice il venditore ebay, a capovolgere il cavo non si danneggia niente.

Evidentemente hanno fatto in modo che se il cavo viene capovolto, l'alimentazione vada in un punto morto in modo da non danneggiare il circuito. Una volta tolto il drive dalla tastiera, devi svitare altre quattro viti per toglierlo dal frame e in una di queste c'è una linguetta che non so bene a cosa serve, forse è una massa o semplicemente un supporto affinché il coperchio non vada a toccare o vibbrare Il drive originale della Korg I4S ha il solo connettore femmina visto sopra e la parte superiore del componente è ricoperta di gommapiuma mentre sul retro è visibile la scheda con uno dei due motorini e una grande ruota collegata al motorino tramite cinghia.

Nel rimontare il drive fai attenzione che il frontale deve sporgere un po' dal frame affinché i buchi coincidano e la cosa è anche ovvia visto che quando monterai il tutto nella tastiera dovrai fare i conti con lo spessore della mascherina in cui c'è la presa per cuffia. Prima di richiudere la tastiera ti conviene dare una pulita alle casse perché a causa del loro posizionamento sono un ottimo contenitore di polvere.

Quelle della Korg I4S sono solo incastrate e hanno un cavo piuttosto lungo per cui basta solo sollevarle per poter pulire il woofer, il tweeter e la grata posta sul fondo della tastiera tramite uno straccio asciutto. Una volta fatto il lavoro sono rimasto basito nel constatare che il floppy non funzionava: appena accendevo la tastiera sentivo un leggero movimento del drive, cosa che con quello vecchio non capitava, ma poi facendo suonare un file oppure cercando di caricare un set di suoni il floppy non si muoveva affatto.

Oltretutto la piattina entra con passo obbligato ed è impossibile metterla storta. Tanto per non lasciare nulla d'intentato, alla fine ho fatto tutti i controlli senza risolvere il problema. Addirittura adesso quando accendo la tastiera il drive non mi dà nemmeno quel piccolo segno di vita scritto sopra. Sarà che mi è arrivato un drive guasto o che la tastiera ha il controller danneggiato? Per saperlo bisognerebbe provare il componente da qualche altra parte o avere un altro drive da provare nella mia tastiera e non avendo queste possibilità Ho chiesto di fare una prova a uno che di tastiere ne ha tante e tra queste una quasi come la mia che quasi sicuramente usa lo stesso standard.

Dopo aver fatto notare quanto scritto sopra, mi ha risposto che avrebbe guardato tra le sue se c'è un drive compatibile ma, pur leggendo con la sintesi vocale che ha sempre lo stesso tono, ho capito subito che era un modo di dire tanto per togliersi dall'impiccio in modo elegante. E tra l'amicizia e il commercio c'è una bella differenza! Torniamo alle cose tecniche.

Ci sono poi delle vecchie tastiere musicali che montano drive per floppy con cavo per i dati e cavo di alimentazione separati ma non so se siano di tipo standard.

In questo tipo di tastiere c'è chi ha sostituito il floppy con un più capiente lettore di schede ma non potendo sostituire il sistema operativo della tastiera che legge solo floppy da 1. In un periodo in cui si adopera windows 7 o addirittura l'8, qualcuno potrà giudicare questo articolo anacronistico e addirittura superfluo visto che ho già parlato più di una volta del Controllo volume di xp.

Tuttavia se ritorno su questo argomento è perché nel regolare il volume di registrazione della scheda audio Realtek integrata nella Gigabyte GA-P55A-UD3 ho trovato delle difficoltà e quando ho chiesto lumi ho notato che c'era chi era nelle mie stesse condizioni.

Come vedrai, si tratta di un tranello in cui è facile cadere quando si usa la sintesi e, per un altro aspetto, di un difetto di Jaws. La prova è stata svolta con il service pack 3 di xp e la versione 2. Sia che vi si acceda da Accessori, svago, controllo volume o da Suoni e periferiche audio del pannello di controllo in cui poi si sceglie di regolare il volume, l'applicazione che va in esecuzione è sempre la stessa e cioè sndvol Una volta entrati nell'applicazione, per default siamo nella sezione dedicata all'output che esula da questo articolo anche perché ne ho già parlato in passato ed abbiamo visto che i nomi dei controlli sono abbinati al colore del jack della scheda audio integrata.

Proseguendo ancora con Tab trovi un elenco dei controlli che possono essere mostrati nel mixer.

periferica compatibi midi mpu 401 aggiornamento

Sono cinque e se non fossero tutti attivati attivali come al solito con le frecce e lo spazio perché ci servono tutti per la comprensione dell'articolo e poi clicca su Ok.

Importante: il fatto d'aver attivato tutti i cinque controlli non significa che siano per forza tutti accesi, vuol dire solo che verranno mostrati nel mixer dove possiamo accenderli o spegnerli a nostro piacimento. Adesso che abbiamo cliccato su Ok, passeggiando con tab sarai un po' spaesato perché trovi solo due cursori: il bilanciamento e il volume di Controllo registrazione. Per il resto, la sintesi ti dice solo: disattiva casella di controllo non attivato oppure attivato a seconda dei casi.

La cosa che fa confondere un non vedente è che andando in cursore jaws che per chi vede dico che si tratta della modalità in cui è possibile passeggiare sullo schermo come quando si adopera il mouse , si legge più di una scritta con volume e bilanciamento e addirittura volume mic eccetera. Anche guardando il tipo di carattere ed il colore con gli appositi comandi di Jaws non si riesce a comprendere che tutte quelle scritte non sono selezionabili come del resto avviene attivando tutti i grafici.

Pur avendo chiesto lumi a persone vedenti, mi sembra di ricordare che la soluzione l'ho trovata, ma non provata subito, fin che ero ammalato e non facevo quasi niente dalla mattina alla sera.

Madonna che fatica vivere in quel modo! Realtek adopera un unico controllo di bilanciamento e un unico controllo volume per tutti i dispositivi, che si chiama appunto Controllo registrazione, e questi sono gli unici due cursori che si possono selezionare. Dopo il volume del Controllo registrazione abbiamo cinque caselle di controllo che appartengono ai cinque dispositivi che abbiamo attivato nell'apposito elenco e vengono mostrati nello stesso ordine visto nell'elenco stesso.

In pratica dà giusto solo il controllo registrazione e l'ingresso linea.

Avendo un unico cursore per la regolazione del volume, l'unica regolazione che si potrebbe fare dall'interno di Goldwave sarebbe quella del volume master gli altri controlli, come ad esempio il microfono, sono visualizzati ma su questo tipo di scheda non hanno alcun significato. Peccato che Goldwave fa finta di regolare il master ma una volta che hai dato Ok e vai a registrare ti accorgi di non aver regolato un fico secco! E la prova del nove ce l'hai ritornando in Controllo volume di windows dove noti che non è cambiato nulla.

Per quanto ho provato finora, Gestione audio Realtek hd, si gestisce parzialmente. Una volta cliccato su questa voce dal pannello di controllo, con il cursore jaws o con i touch della barra braille bisogna andare a cliccare sui vari dispositivi e poi, da cursore pc, spostarsi con tab fino a quando si trova qualcosa che la sintesi ti legge.

Ad esempio, per cambiare l'equalizzazione schifosa presente per default devi cliccare su Effetto sonoro e premere ripetutamente Tab fino a quando trovi una casella combinata che grazie a Dio viene letta e ti dà i tipi di equalizzazione in cui ti consiglio di scegliere Dal vivo.

Per esempio, l'effetto Sala da concerto dà tutta l'impressione di una palestra invece che di una sala con poltrone in cui ascoltare la musica. Non so se ci sia la possibilità di personalizzare gli effetti come nella Creative ma propendo per il no.

Cliccherai invece su Microfono per regolarlo. Fai attenzione che se attivi tutte le caselle di questo dispositivo hai quel fastidioso effetto che in questi ultimi tempi si sente nelle chiese o in certe radio private ossia la voce che arriva a scatti con l'effetto di buco non appena si parla più piano o ci si allontana dal microfono Musicalmente orribile!

La nota positiva di queste schede è che l'effetto Larsen, fischio dovuto al microfono in prossimità delle casse, è praticamente annullato. A parte le equalizzazioni viste sopra, non ho trovato una vera e propria regolazione dei toni che potrebbe anche essere in tutte quelle cose che non si riesce a leggere con Jaws.

E' il caso ad esempio di Omnipage 15 che ne ha tanti ma che una volta aperti con un editor di testo risultano quasi totalmente indecifrabili. Alcuni usano la stessa struttura dei file. Per fare in modo che le voci dei menu e altri messaggi del programma siano in italiano dobbiamo tradurre il testo posto dopo il segno di uguale e faccio notare che se l'autore non l'avesse previsto non solo si sarebbe preoccupato di proteggere il file in modo da renderlo meno accessibile, ma non l'avrebbe strutturato come scritto sopra visto che non ha senso fare un programma con un file a pappagallo dicendogli che casa è uguale a casa, pioggia è uguale a pioggia e sole è uguale a sole.

Tanto valeva integrare i messaggi nell'eseguibile senza fare tutta questa tiritera! Per default i file.


Articoli popolari: