Midws

Midws

Inps modulo anf 43 da scaricare

Posted on Author Maushakar Posted in Libri

Circolare numero del autorizzazione, da rilasciare sul mod. ANF 43 di nuova istituzione Circolare numero 12 del Circolari 12/01​/. Tutti i risultati ottenuti ricercando modello anf Dal 1° aprile l'Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) dei al proprio datore di lavoro attraverso il modello cartaceo “ANF/DIP” (cod. Il modello Anf 43 viene rilasciato dall'Inps quando chi richiede gli assegni familiari versa in una situazione particolare tale da richiedere l'autorizzazione.

Nome: inps modulo anf 43 da scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 49.38 MB

Per una famiglia con 2 genitori e con un componente il nucleo inabile con un reddito annuo di 44mila euro e 4 componenti la somma degli assegni per il nucleo familiare sarà pari a ,22 euro. Tali importi sono pagati frazionati per mese. Sono parte del nucleo anche i figli tra i 18 e i 21 anni — studenti o apprendisti — se nel nucleo sono presenti più di 3 figli sotto i 26 anni.

Innanzitutto va inserito il periodo a partire dal quale si fa richiesta. La data di inizio, per la prima domanda, potrebbe essere quella di cambio del perimetro del nucleo familiare per esempio per la nascita di un figlio. Poi la perfetta dicitura della ragione aziendale della società per cui si lavora. Spazio, a seguire, ai dati anagrafici del richiedente, il suo stato civile e la dichiarazione nel caso di appartenenza alle categorie di lavoratori agricoli dipendenti a tempo determinato di un Comune o a quella di coltivatore diretto, mezzadro o colone di un Comune.

Sarà sempre il datore di lavoro a provvedere al conguaglio attraverso il sistema Uniemens esclusivamente gli assegni relativi ai periodi di paga durante i quali il lavoratore è stato alle sue dipendenze.

La domanda in questo caso potrà essere presentata direttamente via web o anche tramite i patronati o in alternativa tramite contact center integrato INPS chiamano di seguenti numeri: da fisso o da mobile.

Non possono essere presentate altre domande, ma potranno essere gestite direttamente dal datore di lavoro.

Anche le eventuali variazioni nella composizione del nucleo familiare dovranno essere comunicate esclusivamente in modalità telematica. Al cittadino richiedente saranno inviati esclusivamente gli eventuali provvedimenti di reiezione.

Il datore di lavoro erogherà gli importi per la prestazione familiare con le consuete modalità, unitamente alla retribuzione mensile, e provvederà al relativo conguaglio con le denunce mensili.

Qualora il lavoratore abbia richiesto assegni per il nucleo familiare arretrati, il datore di lavoro potrà pagare al lavoratore e conguagliare attraverso il sistema Uniemens esclusivamente gli assegni relativi ai periodi di paga durante i quali il lavoratore è stato alle sue dipendenze.

Pertanto, le prestazioni familiari relative ad anni precedenti, per periodi lavorativi alle dipendenze di un datore di lavoro diverso da quello attuale, dovranno essere liquidate dal datore di lavoro presso cui il lavoratore prestava la propria attività lavorativa nel periodo richiesto. Dopo la predetta data non sarà più possibile effettuare conguagli per assegni per il nucleo familiare che non siano stati richiesti con le nuove modalità telematiche.

In queste tabelle, sono previste le varie fasce di reddito familiare e, per ogni scaglione, quanto spetta a titolo di assegni per il nucleo familiare. Determinate tipologie di nuclei familiari, con particolari esigenze di sostegno come, ad esempio, le famiglie monoparentali o in cui siano presenti dei soggetti inabili possono contare su importi degli Anf e fasce reddituali maggiormente favorevoli.

Assegni familiari: a chi spettano? Come abbiamo detto, per accedere agli Anf occorre possedere tutta una serie di requisiti.

In particolare, oltre ai limiti reddituali che vedremo in seguito, il diritto agli Anf Inps è riconosciuto solo ai: lavoratori dipendenti del settore privato; lavoratori dipendenti del settore agricolo; lavoratori domestici e lavoratori somministrati; lavoratori iscritti, dal punto di vista previdenziale, alla Gestione Separata Inps; lavoratori dipendenti di ditte fallite e cessate; soggetti titolari di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, dei fondi speciali ed ex Enpals; soggetti titolari di prestazioni previdenziali; lavoratori che si trovano in altre situazioni di pagamento diretto.


Articoli popolari: